L’introduzione del Dodge Ram 1500 2020 ha portato con sé un’importante novità dal punto di vista tecnologico, ovvero la presenza dell’alimentazione mild-hybrid sul propulsore 5.7 V8 Hemi da 395 cavalli. Ecco tutti i segreti e i vantaggi di questa innovazione nel campo dei pick-up americani.

 

Dodge Ram Etorque

 

DODGE RAM MILD-HYBRID: POTENZA ELETTRICA SUPPLEMENTARE

 

I Dodge Ram 1500 dotati di propulsione mild-hybrid sono identificati come “eTorque“. In questi Ram il motore a benzina 5.7 V8 Hemi viene aiutato in alcune fasi di utilizzo da un motore elettrico da 48 V. Il sistema eTorque è composta da un alternatore in grado di ricaricare la batteria agli ioni di litio da 430 W (posizionata dietro ai sedili posteriori) durante la marcia e recuperando l’energia in frenata restituendola in fase di accelerazione.

In caso di sorpasso o partenza con rimorchi pesanti, si ottiene così una coppia supplementare di 176 Nm che si va ad aggiungere ai già 556 Nm presenti di base nella motorizzazione benzina.

 

 

ETORQUE: CONSUMI ED EMISSIONI MINORI

 

Rispetto all’alternativa classica del 5.7 V8, il sistema eTorque consente di sfruttare meglio la disattivazione dei quattro cilindri a velocità costante. Il motore mild-hybrid permette così di ottenere una riduzione di consumi ed emissioni di circa il 10% rispetto ad una motorizzazione standard a benzina.

Il sistema eTorque può essere richiesto per tutti gli allestimenti del Dodge Ram ed è eventualmente abbinabile ad un’impianto GPL per ridurre ulteriormente i costi di mantenimento del pick-up.